Giovanni Paolo II

L'overdose di informazioni, commenti, rievocazioni, previsioni in occasione della morte di Giovanni Paolo II ha passato ai raggi x tutti gli aspetti della sua personalità, tutti i risvolti spirituali e culturali del suo magistero e della sua opera di governo, da quelli della routine burocratica delle istituzioni curiali a quelli dello slancio profetico dei grandi gesti innovatori. Questa gigantesca esposizione mediatica è quasi speculare allo stile di un pontificato che ha utilizzato i mezzi di comunicazione per far conoscere al mondo intero tutti i momenti della sua vita e della sua attività, da quelli delle giornate mondiali della gioventù, a quelli dei suoi viaggi apostolici nei cinque continenti, a quelli delle passeggiate solitarie sui monti delle dolomiti, a quelli della smorfia di dolore durante i suoi numerosi ricoveri ospedalieri, a quelli, infine, della morte nell'intimità della sua cappella privata. Nessun altro papa è andato in vacanza con giornalisti, fotografi e portavoce personale al seguito. Nessun altro papa ha avuto contatto con la stampa come il grande comunicatore Karol Woiytla. Non voglio aggiungere, perciò, ulteriori considerazioni a questa montagna di analisi e commenti. Vorrei solamente soffermarmi a riferire come io ho vissuto l'esperienza particolare della morte "annunciata" di papa Woityla.

[Per continuare la lettura scarica l'articolo]

Clicca su Download e scarica il PDF

Oristano 13/07/2020 16:23

Calendario Pastorale

Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Ultima Omelia

Lettera Pastorale

Custodi del Mistero di Cristo

Link Utili

 S.E. Monsignor Ignazio Sanna
Arcivescovo Emerito di Oristano

Via degli Estensi 133 - 00164 Roma (Italia)

E-mail: arcivescovosanna@gmail.com
T
el: 06.66151377

Designed By Grafica & Web Design

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok